RIFUGI 2020/21

Il Centro Teatrale MaMiMò si affaccia sulla stagione 2020/21 con la consapevolezza – condivisa con il Comune di Reggio Emilia da cui ha avuto in gestione lo spazio del Teatro Piccolo Orologio e la programmazione – che il teatro deve tornare ad essere, prima di tutto, un luogo di bellezza, condivisione, socialità. Con e per le persone, con e per la città e i luoghi di senso che la caratterizzano. Partendo da questa base, la nuova stagione, realizzata con il patrocinio del Comune di Reggio Emilia, del Ministero per i beni e le attività culturali e della Regione Emilia-Romagna, sarà diversa dalle precedenti. Non tanto nei contenuti – che vedranno in cartellone sempre la drammaturgia contemporanea e compagnie di rilievo nazionali – ma nei luoghi. Lo scoppio della pandemia legata al covid19 e le restrizioni sul numero di spettatori dovute alle norme di distanziamento sociale hanno spinto il Centro MaMiMò ad immaginarsi e poi realizzare una stagione – intitolata RIFUGI – che oltre al Teatro Piccolo Orologio sarà diffusa nei luoghi della cultura di Reggio Emilia. Una scelta dettata dal desiderio di mettersi in relazione proprio con i rifugi culturali della città, di cui è stato riscoperto il valore durante la quarantena. Ogni spettacolo nelle location “diffuse” sarà associato ad un luogo che ne richiamerà ed amplificherà il contenuto.

Altra novità sarà la suddivisione della stagione “in due tempi”, che vedrà la prima parte svilupparsi da settembre a dicembre e la seconda da gennaio ad aprile. Il programma completo e le informazioni su prenotazioni e misure preventive anti-covid su www.mamimo.it

di e con Marco Cacciola - drammaturgia di Tindaro Granata - produzione Elsinor Centro di produzione teatrale
di Lucia Franchi e Luca Ricci - regia di Luca Ricci - con Simone Falloppa, Gabriele Paolocà e Gioia Salvatori - produzione CapoTrave–Infinito
di e con Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi - produzione Compagnia Carullo-Minasi
liberamente ispirato alla vita di Elia Kazan - drammaturgia di Matteo Luoni - regia di Pablo Solari - con Woody Neri, Valeria Perdonò, Luca Mammoli, Irene Maiorino e Carlo Amleto Giammusso - produzione Centro Teatrale MaMiMò - con il sostegno del Centro di Residenza della Toscana

ART

testo di Yasmina Reza - scene e regia di Emanuele Conte - con gli attori di Generazione Disagio: Luca Mammoli, Enrico Pittaluga e Graziano Sirressi - produzione Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse 
ideazione e regia di Simone Guerro e Lucia Palozzi - con Fabio Spadoni, Simone Guerr e SIlvia Barchiesi - allestimento e figure di Ilaria Sebastianelli e Alessio Pacci - produzione Teatro Pirata
Cosa
Quando