Edipo a Colono

È un luogo della memoria sospeso nel tempo, quello a cui approda Ruggero Cappuccio riscrivendo la tragedia di Sofocle. Un luogo in cui i segni incancellabili della classicità si specchiano nel clima novecentesco della psicanalisi, delle guerre e delle lotte tra i popoli per il raggiungimento del potere.

Scrittura di Ruggero Cappuccio dall’opera di Sofocle – regia di Rimas Tuminas – produzione Teatro Stabile Napoli-Teatro Nazionale, Fondazione Campania dei Festival-Napoli Teatro Festival Italia

con
Edipo, Claudio Di Palma – Antigone, Marina Sorrenti – Creonte, Fulvio Cauteruccio – Capocoro, Franca Abategiovanni – Polinice, Giulio Cancelli – Teseo, Davide Paciolla – Ismene, Rossella Pugliese

Coro: Nicolò Battista, Martina Carpino, Cinzia Cordella, Simona Fredella, Gianluca Merolli,
Enzo Mirone, Francesca Morgante, Erika Pagan, Alessandra Roca, Piera Russo, Lorenzo Scalzo

Ricerca

Cosa
Quando