Magnificat

Una delle voci più alte, più forti e personali della poesia del nostro tempo, racconta una Vergine diversa da come siamo abituati a pensarla. Non ne rappresenta la storia e la vita, ma evoca con inaudita forza visionaria la sua interiorità. La sua tenera fanciulla è una creatura di luce, di carne, fragile, smarrita, spaventata, e perdutamente innamorata di Dio.

di Alda Merini – regia di Simone Derai – in scena Paola Dallan – disegno del suono Mauro Martinuz – disegno vocale Paola Dallan, Simone Derai, Marco Menegoni – produzione Anagoor 2010 co-produzione Operaestate Festival Veneto

Ricerca

Cosa
Quando