TEATRO ALESSANDRO BONCI

Foto di Andrea Scardova (Fototeca Istituto beni culturali Regione Emilia-Romagna)
Foto di Andrea Scardova (Fototeca Istituto beni culturali Regione Emilia-Romagna)
Foto di Andrea Scardova (Fototeca Istituto beni culturali Regione Emilia-Romagna)
Foto di Andrea Scardova (Fototeca Istituto beni culturali Regione Emilia-Romagna)

Edificato tra 1843 e 1846 sul sito dell’antico teatro nobiliare di palazzo Spada, il Teatro comunale di Cesena, intitolato al tenore Alessandro Bonci, si presenta nella forma esemplare del teatro all’italiana. Nell’agosto del 1843 l’architetto Vincenzo Ghinelli ne disegnò il progetto: i lavori terminarono nel 1846, quando il teatro fu inaugurato con la rappresentazione di “Maria di Rohan” di Gaetano Donizetti.
La facciata di gusto neoclassico è porticata e coronata da un frontone con lo stemma del comune, con il motto “Jacta est alea” e le figure dei fiumi Savio e Rubicone. La sala, con pianta a ferro di cavallo, ha quattro ordini e un loggione: le balconate sono rivestite con stucco veneziano lucido. Tenendo presente che un tempo erano venduti anche i posti in piedi e che solo nel loggione entravano anche 400 persone, il teatro poteva accogliere più di 1400 spettatori, che aumentavano a 1500 in occasione dei veglioni di carnevale.

Dal 1983, in più stralci, è stato condotto una lunga e complessa opera di restauro conservativo e messa in sicurezza, conclusasi nel 1995. Oggi il teatro può ospitare fino a 800 persone. Il “Bonci”, gestito direttamente dall’Amministrazione comunale fin dal 1971, ha saputo costruire, soprattutto negli anni più recenti, un cartellone all’altezza dei migliori teatri di tradizione, senza fermarsi tuttavia ai generi tradizionali ma aprendosi a tutte le forme dello spettacolo contemporaneo: la stagione attuale si articola su sei settori (prosa, ricerca, balletto, concertistica, lirica e teatro ragazzi) e su circa un centinaio di rappresentazioni, con presenze prestigiose e qualificate.

TEATRO ALESSANDRO BONCI - Piazza Guidazzi, 1 - 47521 Cesena (FC)
Visualizza su google maps
14esima edizione di VIE festival di teatro e danza che rivolge lo sguardo alla contemporaneità, che esplora le zone di contatto in cui interagiscono diverse forme di arte scenica. Artisti internazionali e italiani, nuove rivelazioni e protagonisti di fama ormai indiscussa della scena teatrale, conducono gli spettatori a percorrere le differenti "vie" del teatro e della danza, "vie" artistiche, geografiche e dell'anima, che si intersecano interagendo tra loro.
Indirizzo
Piazzale Curiel, 26 - 41013 Castelfranco Emilia (MO)
da Pier Paolo Pasolini - adattamento di Emanuele Trevi - con Lino Guanciale e Sonia Barbadoro - regia di Massimo Popolizio - produzione Teatro di Roma-Teatro Nazionale
  • 21 marzo 2019 - 24 marzo 2019
14esima edizione di VIE festival di teatro e danza che rivolge lo sguardo alla contemporaneità, che esplora le zone di contatto in cui interagiscono diverse forme di arte scenica. Artisti internazionali e italiani, nuove rivelazioni e protagonisti di fama ormai indiscussa della scena teatrale, conducono gli spettatori a percorrere le differenti "vie" del teatro e della danza, "vie" artistiche, geografiche e dell'anima, che si intersecano interagendo tra loro.
Indirizzo
Piazzale Curiel, 26 - 41013 Castelfranco Emilia (MO)
Violoncello, Giovanni Sollima - violino, Giovanna Polacco - pianoforte, Alfonso Alberti
testo e regia, Gabriel Calderón - con Gustavo Saffores, Dahiana Méndez, Alfonso Tort - scene e luci Pablo Caballero - costumi Pablo Auliso - grafica e web Polder - produzione Matilde López Espasandín - spettacolo in spagnolo sovratitolato in italiano
Balletto in due atti liberamente ispirato a “Romeo e Giulietta” di William Shakespeare - direzione artistica, Roberto Casarotto - coreografie e scene, Fabrizio Monteverde - assistente alle coreografie Anna Manes - produzione Balletto di Roma
di Molière - traduzione di Cesare Garboli - regia di Arturo Cirillo - con Arturo Cirillo, Valentina Picello, Rosario Giglio, Marta Pizzigallo, Giacomo Vigentini - musiche di Francesco De Melis - produzione Marche Teatro / Teatro dell’Elfo / Teatro Stabile di Napoli
di Rachid Benzine - regia Giorgio Sangati - con Franco Branciaroli e Marina Occhionero - produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, Centro Teatrale Bresciano, Teatro De Gli Incamminati
coreografia di Giuseppe Spota - musiche originali di Giuliano Sangiorgi - drammaturgia Pasquale Plastino - per 16 danzatori - produzione Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto

Info

Piazza Guidazzi, 1 - 47521 Cesena (FC)
0547 355724 - 355714
info@teatrobonci.it
Web

Scheda

Anno di costruzione
1846
Anno inizio attività
1846
Secolo costruzione
XIX
Sale
1
Posti
798
Proprietà
Pubblico
Programmazione
PROSA, CONCERTI, DANZA, TEATRO RAGAZZI
Dati storici
Scheda IBC