TEATRO COMUNALE DANTE ALIGHIERI

Foto di Andrea Scardova (Fototeca Istituto beni culturali Regione Emilia-Romagna)
Foto di Andrea Scardova (Fototeca Istituto beni culturali Regione Emilia-Romagna)
Foto di Andrea Scardova (Fototeca Istituto beni culturali Regione Emilia-Romagna)
Foto di Andrea Scardova (Fototeca Istituto beni culturali Regione Emilia-Romagna)

Nel 1838, in una città che già da tre secoli vantava una vivace attività scenica e numerosi edifici adibiti allo spettacolo, l’Amministrazione comunale di Ravenna avviò la costruzione di un nuovo teatro nella centrale piazzetta degli Svizzeri. Il progetto fu affidato ai giovani architetti veneziani Tomaso e Giovan Battista Meduna, che avendo da poco rinnovato la Fenice trasferirono nella città romagnola un impianto neoclassico analogo.
La sala, di forma tradizionalmente semiellittica, presentava in origine quattro ordini di venticinque palchi, più il loggione. La platea, disposta su un piano inclinato, era meno estesa di quella attuale, a vantaggio del proscenio e della fossa dell’orchestra.
Le decorazioni furono affidate ai pittori veneziani Giuseppe Voltan e Giuseppe Lorenzo Gatteri, con l’aiuto di Pietro Garbato per gli elementi in legno e cartapesta e di Carlo Franco per le dorature.
Il 15 maggio 1852, intitolato al poeta Dante Alighieri (le cui spoglie riposano in città), il Teatro venne inaugurato con un’opera di Giacomo Meyerbeer, “Roberto il diavolo”, e con l’étoile Augusta Maywood che danzò ne “La zingara”.

Fino alla chiusura per restauri del 1959 il palcoscenico fu calcato dagli attori di prosa più celebri (tra gli altri, Marta Abba, Vittorio Gassman, Emma Gramatica, Ermete Novelli, Salvo Randone ed Ermete Zacconi) e dai migliori cast della produzione lirica, che portarono alla ribalta le opere della tradizione italiana, da Verdi a Puccini.
Dopo la riapertura, nel ’67, l’“Alighieri” è rimasto aperto fino al ’91, quando sono stati effettuati gli ultimi di una lunga serie di interventi di adeguamento resisi necessari nel corso del Novecento.
Gestito dalla Fondazione Ravenna Manifestazioni, promossa dal Comune, tra autunno e primavera il Teatro organizza stagioni concertistiche, liriche, di balletto e di prosa (con progetti seminariali rivolti alle scuole del territorio), mentre in estate ospita i principali eventi operistici di “Ravenna Festival”.

TEATRO COMUNALE DANTE ALIGHIERI - Via Mariani, 2 - 48121 Ravenna
Visualizza su google maps
Sonia Bergamasco, voce recitante - EsTRIO - drammaturgia originale, Maria Grazia Calandrone
di Luigi Pirandello - regia di Liliana Cavani - con Geppy Gleijeses, Vanessa Gravina e Leandro Amato, Maximilian Nisi, Tatiana Winteler, Giancarlo Condè, Brunella De Feudis - produzione Gitiesse Artisti Riuniti, Fondazione Teatro della Toscana
Daniel Doods , direttore - Arabella Steinbacher, violino
"Sarabande" - coreografia e scenografia di Jirí Kylian - musiche di Johann Sebastian Bach (Partita n. 2 in Re minore Sarabande) - prima produzione Nederlands Dans Theater - segue "Domus Aurea" - coreografia di Diego Tortelli - musiche Johann Sebastian Bach (Suites Francesi trascritte da Giorgio Colombo Taccani) eseguite dal vivo da Ensemble Sentieri Selvaggi - produzione Fondazione Nazionale della Danza Aterballetto
  • 31 maggio 2019 - 01 giugno 2019
Di Miguel de Cervantes Saavedra - adattamento di Francesco Niccolini - regia di Alessio Boni, Roberto Aldorasi, Marcello Prayer
Marco Albonetti, sax e soprano - Dane Richeson, percussioni etniche  - Mordern Strings, quintetto d'archi
con Gabriele Cirilli - di Gabriele Cirilli, Maria De Luca, Giorgio Ganzerli, Alessio Tagliento, Ivan Grandi - regia di Claudio Insegno - produzione Ma.Ga.Mat
"Malìa napoletana" - Massimo Ranieri, voce - Enrico Rava, tromba, flicorno - Stefano Di Battista, sax alto, sax soprano - Rita Marcotulli,  pianoforte - Riccardo Fioravanti, contrabbasso - Stefano Bagnoli, batteria
“Take the A Train”: Omaggio a Duke Ellington - 250 giovanissimi diretti da Tommaso Vittorini, Mauro Ottolini & Alien Dee - special guests: Enrico Rava, Mauro Ottolini & Alien Dee - produzione originale
Claus Peter Flor, direttore - Filippo Gorini, pianoforte
il nuovo spettacolo di e con Alessandro Bergonzoni - regia di Alessandro Bergonzoni e Riccardo Rodolfi
"Mare Nostrum" - Paolo Fresu (artist in residence), tromba, flicorno, effetti - Richard Galliano, fisarmonica, accordina - Jan Lundgren, pianoforte - concerto dedicato a Franco Manzecchi, grande batterista jazz ravennate, a 40 anni dalla scomparsa
Peter Eldridge, Darmon Meader, Kim Nazarian, Lauren Kinhan, voci - Christian von Kaphengst, contrabbasso - Claus-Dieter Bandorf,  pianoforte - Gabriel Hahn, batteria
uno spettacolo di Ascanio Celestini - con Ascanio Celestini e Gianluca Casadei alla fisarmonica - voce fuori campo di Alba Rohrwacher - produzione Fabbrica S.r.l. in co-produzione con RomaEuropa Festival 2015 - distribuzione Mismaonda
Dialogo tra Lucrezio e Seneca - di Ivano Dionigi - interpretazione e regia Enzo Vetrano e Stefano Randisi - produzione Emilia Romagna Teatro - prima nazionale
Gruppo Nanou - Progetto Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci, Marco Maretti - coreografie Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci - produzione Ravenna Festival, Nanou Associazione culturale - prima nazionale
coreografia John Neumeier - Spettacolo in esclusiva per l’Italia
Scrittura di Ruggero Cappuccio dall’opera di Sofocle - regia di Rimas Tuminas - produzione Teatro Stabile Napoli-Teatro Nazionale, Fondazione Campania dei Festival-Napoli Teatro Festival Italia
Elaborazione drammaturgica, regia e interpretazione Elena Bucci - Musiche di Luigi Ceccarelli - Coproduzione con Napoli Teatro Festival, in collaborazione con Compagnia Le Belle Bandiere

Info

Via Mariani, 2 - 48121 Ravenna
0544 249211
info@teatroalighieri.org
Web

Scheda

Anno di costruzione
1852
Anno inizio attività
1852
Secolo costruzione
XIX
Sale
1
Posti
830
Proprietà
Pubblico
Programmazione
PROSA, CONCERTI, LIRICA, DANZA
Dati storici
Scheda IBC