Artisti e professionisti della cultura in tour, con il nuovo bando di Europa Creativa

05 agosto 2019

Per i professionisti della cultura Europa Creativa è pane quotidiano della progettazione. Adesso nell’ambito dello stesso programma che ha finanziato e continua a finanziare alcuni dei progetti internazionali più ambiziosi, arriva un nuovo bando, tutto destinato alla mobilità per artisti e/o professionisti della cultura. Dopo il progetto pilota i-Portonus, il bando Mobility è il secondo orientato in questo senso e più nello specifico a testare uno schema di mobilità efficiente che sia complementare con altri schemi già esistenti a livello locale e nazionale e a formulare raccomandazioni per i prossimi programmi Ue. La mobilità delle persone e delle idee è infatti al centro delle ‘preoccupazioni’ della commissione europea, interessata a promuovere idee senza confini, e a sviluppare nuovi mercati per migliorare le opportunità di lavoro e di collaborazione ad altissimo livello di specializzazione.

Il bando è rivolto a soggetti giuridici con esperienza nei settori culturali e creativi, nell’organizzazione di attività di mobilità, e nella gestione di progetti a livello europeo o internazionale, e possono applicare organizzazioni non profit, autorità pubbliche nazionali, regionali e locali, organizzazioni internazionali, università, istituti d’istruzione, centri di ricerca, enti a scopo di lucro che siano stabiliti in Stati UE, Paesi ETFA (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera), Paesi candidati all’UE e Paesi non-UE che, alla data dell’assegnazione del finanziamento, siano ammissibili al programma Europa Creativa.

I progetti proposti devono essere presentati da un consorzio di almeno 3 soggetti di diversi Paesi e la durata al massimo di 16 mesi con inizio indicativamente a febbraio 2020. I progetti finanziabili sono al massimo due, per un budget complessivo di 1,5 milioni di euro. Il contributo Ue per singolo progetto potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili per un massimo di 750.000 euro.