In cammino verso paesaggi d’arte. Al via crinali 2021

28 maggio 2021

Dopo i mesi di lockdown appena trascorsi la nuova edizione di Crinali sarà una vera boccata d’aria per chi ama cultura e paesaggio. Dal 29 maggio al 3 ottobre, nell’ambito di Bologna Estate 2021, torna il progetto ideato da Marco Tamarri che disegna itinerari magici tra cammini e borghi del territorio bolognese abitati per l’occasione da oltre quattrocento tra musicisti, narratori, poeti, attori e circensi. Senza sapere né dove né quando, durante i vari percorsi in programma gli spettatori-camminatori incontrano infatti artisti appostati in radure o slarghi suggestivi, pronti a offrire loro in dono spettacoli intimi e suggestivi.

Sostenuto da Destinazione turistica Bologna metropolitana che coinvolge tutte le Unioni dei Comuni dell’Appennino bolognese e del Circondario Imolese, il  programma messo a punto dai direttori artistici Claudio Carboni e Carlo Maver prevede circa duecento appuntamenti che si snodano tra l’Alta Via dei Parchi, la Via della Lana e della Seta, Via degli Dei, Via Mater Dei, Via Piccola Cassia, Via Linea Gotica, il Cammino di Sant’Antonio e la nuova Ciclovia del Santerno. Un matrimonio perfetto, quello tra meraviglie del paesaggio e sorprese d’arte, che accompagnerà il pubblico dalla tarda primavera, lungo l’intera estate e fino ai primi tramonti autunnali, per offrire quel turismo culturale di prossimità che arricchisce i luoghi e chi li incontra.

“È il momento del turismo lento, dei borghi, dei cammini, della riscoperta delle ferrovie abbandonate – conferma Mauro Felicori, assessore alla Cultura e Paesaggio della Regione Emilia-Romagna – . A questo modo nuovo di godere delle vacanze e del tempo libero l’Appenino ha molto da offrire: le memorie della Seconda Guerra Mondiale, dalla Linea gotica al cimitero tedesco della Futa, al Parco storico di Monte Sole; l’unico sito urbano etrusco, la chiesa di Alvar Aalto, la casa di Giorgio Morandi a Grizzana, la Rocchetta Mattei, la scultura di Luigi Ontani a Vergato, la casa di Guglielmo Marconi dove è iniziata la lunga storia che oggi ci dà gli smartphone, Colle Ameno, la Chiusa di Casalecchio, le Terme di Porretta, il museo della Demm. Per non parlare di eccellenze naturali che già cominciano con il contrafforte pliocenico all’incontro della val di Setta con la val di Reno. L’animazione artistica di Crinali completerà e renderà perfetto questo territorio”.

I primi appuntamenti sono all’insegna della musica. Il 29 maggio, dopo una visita guidata al centro storico di Castiglione dei Pepoli, si prosegue al camping Le Querce di Monzuno con un viaggio nella musica dell’appennino tosco-emiliano con due dei fondatori di Banditaliana, Claudio Carboni al sax e Maurizio Geri alla chitarra, mentre lungo il cammino sulla Via Mater Dei, dal borgo di Creda alle pendici del Monte Catarelto, si incontrerà un concerto di Johnny Clash Project (cover Clash). Il 30 maggio si comincia con un percorso, con partenza dal camping Le Querce e in direzione Montorio, in compagnia di Roberto Menabò, che proporrà alcuni brani originali di chitarra acustica tra folk e blues, mentre Andrea Menabò presenterà esecuzioni di classici del gipsy jazz nello stile manouche e al Faro di Gaggio Montano, approdo di un percorso che parte dal Sasso di Rocca, s’incontrerà la musica di Maurizio Piancastelli. La manifestazione entra poi nel vivo, proseguendo dal 6 giugno con centinaia di appuntamenti tra musica, teatro e circo che coinvolgono centinaia di artisti, tra cui Carlo Atti, Eloisa Atti, Banda Italiana, Daniele Bengi Benati, Nilza Costa, Luisa Cottifogli, Silvia Mandolini, Carlo Maver, Pasquale Mirra, Enza Alejandra Prestia, Sorah Rionda, Valeria Sturba, Achille Succi, Massimo Tagliata, Rogerio Tavares, Cristina Zavalloni.

La partecipazione è gratuita ma con prenotazione online obbligatoria. Ci si può prenotare fino a 24 ore prima dell’evento (48 ore per i tour di domenica e lunedì) sul sito crinalibologna.it.

 

Crinali 2021 è promosso da Destinazione turistica Bologna metropolitana, Regione Emilia-Romagna | Assessorato Cultura, Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese, Unione Savena-Idice, Unione dei Comuni Valle del Reno -Lavino- Samoggia, GAL Appennino Bolognese, Comune di Alto Reno Terme, Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale, Nuovo Circondario Imolese, Bologna Welcome, Confcommercio-ASCOM Bologna, Gruppo Hera, EmilBanca.