Così sarà! La città che vogliamo. Giovani bolognesi tra teatro e comunità

27 novembre 2019

Mappare Bologna, esplorarla con occhi nuovi e re-immaginarne concretamente una su misura dei propri sogni. Una città più coesa e inclusiva, con meno povertà educativa, con un dialogo interculturale sempre più vivo e dove la partecipazione civica è all’ordine del giorno, per tutti. Così sarà! La città che vogliamo è il titolo di un imponente progetto dedicato ai giovani tra gli 11 e i 25 anni promosso dal Comune di Bologna e finanziato con un milione di euro proveniente dai fondi europei del programma Operativo Nazionale Città Metropolitane (PON Metro).

A realizzarlo, da novembre 2019 a maggio 2021, sarà Ert – Emilia Romagna Teatro Fondazione chiamata a coordinare una rete composta da Altre Velocità, Cassero LGBTI Center, Kepler-452, La Baracca – Teatro Testoni Ragazzi, Teatro dell’Argine. Il teatro al centro dunque, sempre di più, e con strumenti sempre più potenti e pervasivi, perché il teatro pubblico può agire nella sua comunità di riferimento arrivando là dove altre istituzioni non arrivano, grazie a un linguaggio straordinario che intervenendo direttamente sull’immaginario e mettendo al centro l’umano in quanto umano, aggira ogni ostacolo di lingua, cultura, condizione sociale e generazione.

Teatro partecipato, audience development, pedagogia civica e promozione territoriale, come anticipano i promotori, sono le parole chiave di un circuito formativo che coinvolgerà i servizi territoriali, le associazioni e i soggetti del terzo settore che lavorano nella progettazione e nell’implementazione delle iniziative comunitarie, in una serie di processi performativi e creativi, con l’obiettivo di fondare una nuova “città ideale”. Le fasi del progetto sono tre e prevedono una mappatura del territorio (con una serie di attività di teatro partecipato), l’esplorazione degli orizzonti in cui collocare la fondazione della nuova città (con l’ideazione guidata di 5 progetti concreti) e la realizzazione delle idee attraverso una rassegna pensata da ragazzi e ragazze per maggio 2021.

Giovedì 28 novembre una giornata ricca di appuntamenti taglia il nastro del progetto. Si comincia nell’Aula Magna dell’ITC Statale Rosa Luxemburg dove alle ore 11.00 gli attori della compagnia permanente di Ert conducono una lezione-spettacolo scritta da Davide Carnevali intorno a Città ideali, città ideate, che chiama in causa opere artistiche e letterarie sul concetto di città ideale appunto, da Morris a Benjamin, da Kundera a Calvino.

Alle 15 apre invece le porte l’Arena del Sole con Luci della città, una serie letture sempre a cura della compagnia di Ert  tratte dalla letteratura mondiale, seguite da BolognaFICTION, flashmob nato all’interno del laboratorio “Europefiction” condotto da La Baracca Testoni Ragazzi e una sessione di freestyle curata da Altre Velocità con il rapper Socio e DJ TryCatch. Alle 20.00 il Teatro dell’Argine presenta Politico Poetico, progetto che prevede due azionii: Il Parlamento, laboratori ed eventi rivolti a ragazzi e ragazze dai 14 ai 20 anni sui temi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, e Il Labirinto, uno spettacolo sulle fragilità legate all’adolescenza. Moltissimi gli ospiti della serata, tra cui spiccano nomi e volti noti al grande pubblico come l’autore e conduttore televisivo Pif e la scrittrice e giornalista Igiaba Scego. Si chiude alle 23 con il il dj set La città che vogliamo a cura di Kepler-452.