Festival Periferico, la X edizione è "Insolente"

24 maggio 2018

Cosa accade quando si passa da una logica individuale a una collettiva, quando si costruisce, anche se temporaneamente, un “noi”? Quale valore politico ha l’esperienza di un festival artistico in dialogo con i temi della rigenerazione urbana, come momento in grado di aggregare corpi, visioni, affetti in uno stesso luogo per un tempo limitato? A queste domande cerca nuove risposte il Festival Periferico a cura del Collettivo Amigdala, con epicentro delle attività all’Ovestlab di Modena, nel cuore del Villaggio Artigiano Modena Ovest.

La decima edizione, dal titolo Insolente, si svolge dal 25 al 27 maggio, per il terzo anno, tra le officine in disuso e le imprese del Villaggio Artigiano di Modena Ovest che, nato nel 1953 da una coraggiosa intuizione politica, primo in Italia, tra campagna e città teneva insieme vita e lavoro, saper fare manuale e impresa, filiera produttiva e appartenenza di comunità.

In arrivo a Modena Ovest nomi interessanti della ricerca artistica e performativa nazionale e internazionale: Chiara Guidi, Alessandro Carboni, OHT – Office for a Human Theatre, Christophe Rocher, Isabella Bordoni, la Compagnia Bartolini/Baronio, David Batignani e Simone Falloppa, Čajka Teatro, il Collettivo Polisonum, Franctis Dance Company sono solo alcuni dei nomi impegnati insieme al Collettivo Amigdala. Proporranno installazioni, performance, spettacoli di teatro e di danza, conversazioni e concerti.

Periferico 2018 è costruito come un laboratorio a cielo aperto, dove artisti provenienti dall’Italia e dall’Europa sono chiamati a “mettersi all’opera” assieme alla comunità per produrre spettacoli, performance, opere musicali e installazioni che entrano in dialogo con il territorio, operando come detonatori di linguaggio e creando spazi pubblici temporanei all’interno degli spazi privati del Villaggio. Molti saranno anche gli spazi di riflessione grazie alla partecipazione di ospiti che si occupano a vario titolo dei temi della rigenerazione urbana e dell’innovazione sociale. Tra i tanti appuntamenti che potrete trovare in Cartellone vi segnaliamo la performance musicale della durata di una notte Elementare (Primo Studio), a cura di Amigdala, che dalle 23 alle 6 consentirà ai partecipanti di affrontare la notte cantando insieme.

Attorno alla comunità che in questi mesi si è riunita a OvestLab, indagando il tema della relazione, sperimentando per alcuni giorni modelli di co-abitazione e di costruzione di visioni collettive, connessa a modi artistici votati alla relazione e alla riappropriazione in termini estetici di esperienze affettive e di rapporto con i luoghi” sono nate occasioni come la rivista collettiva del Villaggio Artigiano di Modena Ovest “fionda”, per la sua pubblicazione una redazione aperta e partecipata  si è incontrata due volte la settimana per discutere assieme i contenuti e temi da affrontare. Il numero zero sarà distribuito durante i giorni del festival.

Il progetto Periferico, realizzato in collaborazione con diverse realtà della città, è sostenuto da Fondazione Cassa di risparmio di Modena nel Bando rassegne Teatrali 2017/2018 e di Andante; Comune di Modena; Quartiere 4; Regione Emilia-Romagna (L. 37).

 

Video

Periferico 2018 | Insolente. Intervista a Federica Rocchi e Chiara Guidi

Federica Rocchi e Chiara Guidi raccontano la decima edizione del Festival Periferico, dal titolo Insolente, che si svolge dal 25 al 27 maggio, tra le officine in disuso e le imprese del Villaggio Artigiano di Modena Ovest. dove si terranno installazioni, performance, spettacoli di teatro e di danza, conversazioni e concerti. A costituire la comunità temporanea del Festival, oltre al Collettivo Amigdala che ne ha la direzione artistica, in arrivo a Modena 50 artisti, e poi laboratori a cui partecipano oltre 60 cittadini e collaborazione di tutta la comunità che apre le proprie case al Festival.