Grazie Claudio! Due concerti e una mostra per ricordare Abbado

11 gennaio 2019

Nel quinto anniversario della scomparsa di Claudio Abbado, avvenuta il 20 gennaio 2014, la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, l’Associazione Ferrara Musica, il Teatro Comunale di Bologna e l’Associazione Mozart14 ricordano il grande direttore d’orchestra con appuntamenti musicali guidati dal desiderio di rimarcare l’eredità del suo percorso artistico e umano: vivacità culturale, coraggio intellettuale, attenzione per le nuove generazioni e senso civile.

Il primo concerto dedicato ad Abbado è in programma martedì 15 gennaio (alle 20.30) al Teatro Comunale “Claudio Abbado” di Ferrara e vedrà la Mahler Chamber Orchestra, diretta da Daniele Gatti, impegnata nell’esecuzione delle Sinfonie n. 2 e n. 4 di Robert Schumann, autore particolarmente caro sia a Claudio Abbado che a Daniele Gatti (dal 2016 consulente artistico della Mahler Chamber Orchestra). Il giorno seguente, mercoledì 16 gennaio, il concerto verrà replicato al Teatro Romolo Valli di Reggio Emilia. La seconda iniziativa ferrarese per ricordare la figura di Abbado prevede le prove, aperte agli studenti e agli abbonati delle stagioni concertistica e lirica, di un altro concerto in onore di Abbado, dall’eloquente titolo “Grazie Claudio!”. Le prove aperte sono programmate al Teatro Comunale di Ferrara per giovedì 17 gennaio (alle 14.00 e alle 18.00) e venerdì 18 gennaio (alle 10.00 e alle 14.00) e vedranno sul podio Ezio Bosso.

L’ultimo appuntamento musicale di questo doveroso omaggio è proprio il concerto Grazie Claudio!, che avrà luogo domenica 20 gennaio al Teatro Manzoni di Bologna. Ci sarà una formazione orchestrale unica, composta da cinquanta musicisti provenienti da tutta Europa, diretti da Ezio Bosso, a cui si aggiungerà la partecipazione straordinaria e voce recitante di Silvio Orlando. I brani in programma sono l’Ouverture da “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini, poi la favola sinfonica per bambini “narrata” da Silvio Orlando, ovvero il “Pierino e il lupo” di Prokof’ev, e infine la Settima Sinfonia di Beethoven. Il concerto è organizzato dall’Associazione Mozart14, presieduta da Alessandra Abbado, per raccogliere fondi a sostegno delle attività nel sociale volute da Abbado: i Laboratori di Tamino e il Coro Papageno. Così il titolo della serata, “Grazie Claudio!”, racchiude in sé davvero tanti grazie: un grazie delle città di Bologna e Ferrara, alle quali Abbado ha dedicato anni di altissimo impegno culturale; un grazie di tutti coloro che, in Italia e all’estero, hanno amato la sua musica; un grazie da parte dei musicisti che l’hanno conosciuto e hanno collaborato con lui. Ma anche un grazie da parte di più di 3000 bambini ricoverati che hanno partecipato ai laboratori di musicoterapia di Tamino; un altro grazie da oltre 300 detenuti che hanno fatto parte del Coro Papageno in questi anni; e, infine, un grazie da parte dell’Associazione Mozart14 che porta avanti gli ideali di Abbado legati alla musica nel sociale.

Gli appuntamenti connessi al concerto “Grazie Claudio!”, realizzati in collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna e con il Teatro Comunale “Abbado” di Ferrara, si avvalgono anche del sostegno di SIPRO e del patrocinio della Regione Emilia-Romagna e dei Comuni di Bologna e Ferrara.

Segnaliamo inoltre la mostra allestita al Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara e realizzata a cura dell’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara e con il Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna. L’esposizione, dal titolo Il viaggio a Reims – memorie di uno spettacolo, completa le iniziative commemorative offrendo una selezione delle immagini realizzate da Marco Caselli Nirmal in occasione dell’allestimento rossiniano presentato a Ferrara nel 1992 con la direzione di Claudio Abbado e la regia di Luca Ronconi. Il repertorio fotografico è affiancato da alcuni dei bozzetti di scena creati per lo spettacolo da Gae Aulenti. ”Il viaggio a Reims” sarà inaugurata venerdì 18 gennaio (alle 16.30) alla presenza del presidente della Regione Stefano Bonaccini al termine dell’ultima prova ferrarese del concerto diretto da Bosso, e resterà aperta fino al 26 marzo.