Legge Musica. Quattro milioni e 334 mila euro per lo sviluppo del settore

17 dicembre 2018

Sostenere e incentivare il sistema musica che in regione rappresenta una parte importante dell’economia della creatività. Ecco l’obiettivo principale della Legge Musica che nel suo complesso stanzia tramite due bandi, per il triennio 2018-2020, 4 milioni e 334 mila euro (450 mila nel 2018, 1 milione e 700 mila nel 2019 e 1 milione e 600 mila nel 2020; 584 mila nel 2021).

“L’Emilia-Romagna – afferma l’assessore regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti – guarda sempre più alla musica come possibilità di crescita economica, futuro lavorativo e sociale dei giovani. Con questa legge innovativa, prima in Italia nel suo genere, da un lato si rafforza l’educazione musicale e l’attività sociale di bande e cori e dall’altro si profila una nuova geografia di soggetti sul territorio fortemente strutturata, in un ambito ricco di talenti e creatività. Di fatto una filiera della musica, che la Regione intende sostenere attraverso un’azione concentrata, fornendo un’occasione di crescita e sviluppo per il settore musicale regionale e per il territorio e la sua identità. Rimane inoltre centrale per il futuro lo sviluppo della legge, l’internazionalizzazione della filiera, per la visibilità all’estero della cultura musicale emiliano romagnola, e la formazione e accompagnamento alle imprese, per essere al passo con un mercato in continuo cambiamento”.

Con il bando relativo all’articolo 5 della Legge si rafforza invece il sistema di alfabetizzazione musicale e promozione della musica d’insieme. Sono stati approvati i progetti di 6 associazioni: Aerco, l’Associazione emiliano-romagnola dei cori, che riunisce 233 coriAssonanza, Associazione di scuole di musica, che conta 46 scuole; Assonanza– Ambima, Associazione di bande musicali e scuole di musica, che raggruppa 104 bande; Ensemble Mariani, Associazione di scuole di musica, che associa 3 scuole nella provincia di Ravenna; Cemi – Associazione di scuole di musica, 3 scuole nelle province di Bologna, Rimini e Forlì-Cesena; Senza Spine- Associazione di scuole di musica, 4 scuole nella provincia di Bologna. I progetti sono cofinanziati dalla Regione con 1,8 milioni (250 mila euro per il 2018, circa 800 mila euro per il 2019, circa 750 mila nel 2020). Per il 2021 saranno stanziati 584 mila euro. Si tratta prevalentemente di corsi di musica, progetti di educazione all’ascolto per favorire inclusione e il dialogo interculturale, di meeting e scambi tra gruppi musicali giovanili. Vengono finanziate per la prima volta anche azioni di ‘sistema’, cioè corsi per docenti e per direttori di bande e cori.

Con il  bando destinato alla produzione e fruizione della musica contemporanea originale dal vivo (articolo 8 della Legge), saranno cofinanziati 9 progetti (su 29 domande pervenute) di altrettante realtà tra cui quattro associazioni (Arci Emilia-Romagna, Locomotiv,  Bronson, Blues Eye), due raggruppamenti temporanei (Bologna in Musica, Cronopios), un’impresa (Materiali Musicali), una società (Fonoprint) e un Comune (Centro Musica Modena), con un finanziamento triennale 2018-2020 pari a 1 milione e 953 mila euro (200 mila nel 2018, 900 mila nel 2019, e 850 mila nel 2020). I temi al centro della nuova programmazione riguardano lo sviluppo della filiera, reti di locali qualificati e sostenibili e i giovani talenti. Tra le novità importanti, un’attenzione specifica è dedicata al tema delle residenze, delle produzioni discografiche e all’internazionalizzazione. In questa direzione le azioni proposte prevedono di incentivare la produzione musicale discografica, fisica e digitale con particolare attenzione agli artisti esordienti, di diffondere la cultura musicale emiliano-romagnola, favorire la realizzazione di videoclip e strumenti innovativi, la diffusione digitale delle produzioni artistiche del territorio e la realizzazione di produzioni discografiche con distribuzione nazionale ed internazionale.

 

I progetti selezionati articolo 5 della legge regionale sulla musica 

Aerco, Associazione Emiliano Romagnola Cori, 233 associati
Corsi di alfabetizzazione per favorire inclusione e dialogo interculturale, concerti nelle rassegne corali, concorso internazionale per direttori di coro, pubblicazioni (rivista FarCoro, Quaderni di FarCoro, Giornale di ricerca sul canto corale, concerti di Natale in Israele e Palestina (2018), concerto La passione di san Matteo (2019), concerti di Pasqua (2020). Corso per direttori di coro e aspiranti (2019-2020-2021).

Assonanza, Associazione di scuole di musica, 46 scuole
Corsi di alfabetizzazione, corso per docenti di scuola di musica per utilizzo della musica come strumento educativo per allievi con bisogni educativi speciali (2019 2020).

Assonanza – Ambima, Associazione di bande musicali e scuole di musica, 104 bande
Corsi di alfabetizzazione, educazione alla musica per favorire il ricambio generazionale nelle formazioni bandistiche, meeting regionale delle bande giovanili, Tresigallo (Fe -2019), costituzione di una banda giovanile regionale con allievi provenienti dai complessi bandistici della regione. Corso per giovani direttori di banda (2019-2021).

Ensemble Mariani, Associazione di scuole di musica, 3 scuole (provincia Ravenna)
Corsi di alfabetizzazione, educazione all’ascolto per favorire inclusione e il dialogo interculturale, rassegna di concerti con le band delle scuole di musica (2019-2021), feste e gemellaggi con scuole di musica.

Cemi – Associazione di scuole di musica, 3 scuole (province Bologna, Rimini, Forlì-Cesena)
Progetti collegati all’alfabetizzazione, educazione all’ascolto per favorire inclusione e dialogo interculturale, concerti annuali (2019-2021).

Senza Spine – Associazione di scuole di musica, 4 scuole (provincia Bologna)
Corso per insegnanti per aggiornamento su temi disabilità e musicoterapia (2019-2021)

 

I progetti selezionati articolo 8 della legge regionale sulla musica 

SunER di Arci Emilia-Romagna presenta un progetto di sviluppo di un circuito di locali – 38 i circoli aderenti al circuito di “SunER” – su tutto il territorio regionale che si doteranno di una carta dei valori condivisa.

Uno spazio per la formazione e la consulenza, un luogo di produzione artistica: è questa la proposta del progetto del Centro Musica di ModenaSonda Talent Oriented che nasce con l’obiettivo di fornire, curare e sviluppare strumenti promozionali, formativi e tecnici agli artisti emergenti residenti in Emilia-Romagna.

Corsi di formazione, audizioni, scouting sono al centro del percorso musicale di Nuova Musica Cantautorale, il progetto di ricerca di giovani artisti sviluppato dalla storica Fonoprint di Bologna con un taglio accademico e innovativo, fatto di sinergie e contaminazione tra i nuovi talenti e i grandi personaggi della musica.

Un altro tipo di processo di ricerca e selezione dei nuovi autori e gruppi emergenti è il progetto Tutto Molto Bello, dell’associazione Locomotiv di Bologna, unico nel suo genere in quanto unisce musica indipendente (concerti gratuiti e a pagamento), agonismo sportivo (torneo di calcetto per etichette indipendenti) e una serie di eventi collaterali (workshop rivolti agli operatori di settore) che si terranno nel Parco del Dopolavoro Ferroviario di Bologna.

Valorizzare la Romagna come Terra di Giovani Talenti della musica popolare contemporanea è l’obiettivo del nuovo progetto Materiali Musicali. Attraverso realtà come il Mei-Meeting delle Etichette Indipendenti, giunto alla 24 esima edizione, che promuove la migliore scena indie italiana e regionale, al Festival Voci nuove di Castrocaro, giunto alla 60esima edizione, che promuove le miglior giovani voci pop, e al neonato Folkint, che dopo la prima edizione di successo raccoglie la migliore eredità del liscio della nostra terra, la Romagna può proiettarsi come punto di riferimento di festival capaci di attrarre pubblico e operatori dall’Italia e dall’estero.

Il progetto presentato da Bologna in Musica  Segnosonico – prevede di realizzare attività residenziali multidisciplinari fondendo i linguaggi artistici del jazz con quelli dell’illustrazione, attraverso il tratto dell’improvvisazione creativa in collaborazione con istituti di alta formazione artistico-musicale e istituti secondari di formazioni artistica del comune di Bologna (Conservatorio di Musica di Stato “G.B. Martini” di Bologna, Accademia di Belle Arti di Bologna, Liceo musicale L. Dalla, del liceo artistico “S. Arcangeli”) e di potenziare gli aspetti educativi legati alla promozione e diffusione della musica costruendo un ampio organico orchestrale di 23 elementi – la Tower Jazz Composers Workshop – che permetterà ai giovani musicisti coinvolti di sperimentare collettivamente la propria vena compositiva e le proprie idee musicali.

La Zona d’Ombra è il nuovo progetto dell’associazione Bronson di Ravenna che mette a disposizione dei giovani musicisti della Romagna, un vero e proprio “hub romagnolo” per la musica indipendente. Un progetto di ricerca, valorizzazione e promozione dei nuovi autori attraverso un programma di residenze e workshop di orientamento con produttori e addetti ai lavori di chiara fama internazionale, finalizzato alla formazione di un profilo competitivo nel mercato discografico e della musica dal vivo nazionale e internazionale.

La creazione di un nuovo network di centri di residenza lungo la Via Emilia, per nuovi giovani autori e creativi – coinvolgendo il Teatro Petrella di Longiano, la Casa della Cultura Italo Calvino di Calderara di Reno e l’Accademia di Parma – è l’obiettivo del progetto Trasporti Eccezionali di Cronopios. Un progetto “itinerante” di residenze, un’occasione di crescita e sviluppo, per accompagnare e promuovere attraverso la produzione discografica e concerti live di giovani artisti/gruppi dell’Emilia-Romagna.

L’associazione Blues Eye attraverso una partnership tra Spiagge Soul, festival organizzato nei lidi Ravennati dal 2009 ad oggi, e l’agenzia tedesca Ludwig Sound, organizzerà e seguirà le tournée in Europa di cinque band della regione. Il comune denominatore degli artisti coinvolti è il genere musicale che, pur differenziandosi in varie declinazioni, è quello della black music di matrice afro-americana. In programma una serie di azioni destinate ad aumentare la visibilità del comparto live emiliano-romagnolo: un gemellaggio istituzionale con la città di New Orleans attraverso uno showcase – Spiagge Soul at The Mint – presso il New Orleans Jazz Museum, la partecipazione nel 2019 al Womex di Helsinki la più importante fiera europea per professionisti della musica, una vetrina internazionale di indubbia qualità per la crescita per i nostri musicisti.