Qui e ora. L’ultimo atto del Cantiere Vyrypaev

08 ottobre 2019

Drammaturgo pluripremiato, sceneggiatore e regista classe 1974, Ivan Vyrypaev è l’autore russo contemporaneo più rappresentato in Europa, ha scritto oltre di venti testi teatrali, molti dei quali pubblicati in lingue diverse, e firmato la regia di sei film, mentre dal 2013 al 2016 è stato direttore artistico del Teatro Praktika di Mosca. Narratore delle generazioni ex-sovietiche post ‘89, profondamente immerso nel suo tempo e nel suo spazio, l’autore riesce a mostrare con ironia tagliente, e talvolta con ferocia, un presente in preda al consumismo sfrenato dilagato dopo il crollo dell’Unione Sovietica.

Nel 2012 il drammaturgo già famoso in tutta Europa, ma pressoché sconosciuto in Italia, ha affidato alla compagnia Big Action Money di Teodoro Bonci del Bene quattro testi inediti. E così è nato il Cantiere Vyrypaev, un progetto di ricerca sul suo lavoro, e in particolare sui testi e i film dell’autore, ideato dalla compagnia con L’Arboreto – Teatro Dimora di Mondaino, che negli anni ha visto susseguirsi proiezioni inedite, letture e la messa in scena di due spettacoli. Adesso il progetto giunge a compimento con un movimento conclusivo intitolato Un atto da compiersi qui e ora che vedrà l’artista impegnato in un tour di incontri programmati tra il 16 e il 19 ottobre, organizzato grazie a una collaborazione speciale tra diversi spazi e soggetti della regione.

Si comincia a Parma, con una doppia presentazione del volume Ivan Vyrypaev. Teatro, appena edito da Cue Press. Il 16 ottobre alle 17.30, infatti, al ParmaUniverCity Info Point nel sottopasso del Ponte romano, nell’ambito degli Aperitivi della conoscenza, si svolgerà un incontro intitolato La drammaturgia contemporanea in Russia: il teatro di Ivan Vyrypaev, in cui Giulia De FlorioRoberta Gandolfi e Maria Candida Ghidini dialogheranno con l’autore russo e con il traduttore e regista Teodoro Bonci del Bene. L’indomani alle 18 si replica con l’autore, Bonci del Bene e De Florio alla Libreria Diari di Bordo. Alle 22.30 del 16 ottobre al Teatro al Parco andrà invece in scena Illusioni, spettacolo di Big Action Money che ha debuttato al VIE Festival 2015 di Modena, in cui Bonci del Bene, Carolina Cangini, Kristina Likhacheva e Jacopo Trebbi, tra luci e scene di Matteo Rubagotti, vestono i panni di quattro ultraottantenni che scoprono l’amore alla fine della loro vita, e lo raccontano, come adolescenti, con il ritmo di un pezzo rap. Alla fine dello spettacolo Gandolfi e Ghidini condurranno poi un nuovo incontro con l’autore.

Per conoscere ancora più a fondo poetica e metodo del drammaturgo, il 18 ottobre alle 14 la Scuola di teatro Iolanda Gazzero di Modena, in collaborazione con Ert, propone una masterclass da lui condotta, introdotta dallo studioso e traduttore Fausto Malcovati. Alle 20 prosegue il tour di presentazione del libro, con un incontro al Teatro Rasi di Ravenna che con l’autore vede ospiti Malcovati e Bonci del Bene, i quali replicheranno (con la partecipazione dell’editore Mattia Visani) il 19 ottobre alle 18 nel Foyer dell’Arena del Sole.

Il cantiere si chiude con una nuova replica di Illusioni, in scena al Teatro Biagi D’Antona di Castel Maggiore alle 21, nel cartellone di Agorà. Segue un incontro moderato da Gerardo Guccini.