Perché sei qui? Il regno profondo di Guidi e Castellucci

10 febbraio 2020

Domande e risposte che si ripetono all’infinito, alternando logica stringente e ironia acuminata. Claudia Castellucci e Chiara Guidi saranno in scena il 15 febbraio, alle 20, con Il regno profondo. Perché sei qui? a Teatri di Vita di Bologna.  Le due co-fondatrici della Societas, compagnia produttrice dello spettacolo, protagonista dell’avanguardia teatrale internazionale già dagli anni Ottanta, attivano una generazione continua di domande, insaziate da risposte provvisorie, comprese quelle fornite dalla religione. Le domande sono elementari ma potenti, capaci di aprire dei crepacci nella superficie apparentemente banale della quotidianità, di spezzare l’abitudinaria routine e innescare di colpo il turbine del dubbio nel quale continua a ruotare l’intera pièce. La domanda del titolo, “Perché sei qui?”, è la prima che le due “luogotenenti” arroccate sul podio si scambiano.

La forma teatrale scelta per l’occasione recupera il dialogo didascalico classico, funzionale alla rappresentazione di un mondo privo di peso (dove “non succede niente”). La metrica delle frasi conferisce velocità crescente alle domande e la ricerca idiomatica para-dialettale inventata dalla Guidi le ammanta di sentore domestico, fa diventare materiche le astrazioni e logiche di un ragionamento sofisticato, comunque sempre permeato di ironia.

La scrittura è di Claudia Castellucci, mentre la regia vocale è di Chiara Guidi. Le musiche di questo corpo a corpo di linguaggio e di postura sono di Scott Gibbons e Giuseppe Ielasi.

“Il regno profondo. Perché sei qui?” è parte della stagione gennaio-aprile 2020 di Teatri di Vita Falso Vero, realizzata in convenzione con il Comune di Bologna e sostenuta dalla Regione Emilia-Romagna.