Scenario Infanzia. Stupore, poesia e sperimentazione cercasi

29 luglio 2019

Appena annunciata la Generazione Scenario 2019, ovvero i quattro progetti vincitori dell’ultima edizione del Premio più amato dalle giovani generazioni di teatranti, è già tempo di un nuovo bando per artisti under 35, questa volta con la mission di scovare idee, progetti e visioni per un teatro rivolto ai nuovi spettatori. Si apre a settembre, infatti, il bando dell’ottava edizione di Scenario Infanzia, a cui possono applicare artisti esordienti, gruppi di recente formazione o impegnati in nuove avventure di ricerca, che stanno facendo percorsi originali nell’ambito dei linguaggi rivolti a infanzia e adolescenza, e che provano a interpretare un immaginario che vive di mutamenti continui e velocissimi attraverso un teatro che ritrova la sua attitudine originaria allo stupore e alla sperimentazione.

Si legge nel bando, infatti che “saranno privilegiati i progetti fortemente innovativi, portatori di originali approcci, pensieri e necessità artistiche. Si terrà conto di criteri di qualità, in sintonia con il referente bambino o ragazzo, si apprezzerà la sperimentazione di nuovi linguaggi e risorse tecnologiche, ma anche la profondità delle motivazioni artistiche e dello spessore poetico ed emozionale delle proposte. Si privilegeranno inoltre i progetti che dimostrino di uscire dalle demarcazioni e dagli standard di genere, assumendosi il rischio dell’esplorazione, della contaminazione e degli sconfinamenti”. I partecipanti, che non devono appartenere a strutture socie di Scenario, né a strutture riconosciute e sovvenzionate dal Mibac, possono inviare le proprie proposte (tassativamente inedite e non iscritte ad altri premi) entro il 31 ottobre, seguendo le indicazioni sul sito www.associazionescenario.it.

Durante la fase istruttoria tutti i candidati potranno presentare cinque minuti del proprio lavoro alle commissioni zonali distribuite sul territorio nazionale, mentre per la tappa di selezione in programma dal 27 al 29 aprile alla Città del Teatro di Cascina, i partecipanti selezionati esporranno frammenti di venti minuti di fronte a una platea formata anche da bambini e ragazzi, e un osservatorio critico che incontrerà gli artisti per un colloquio di approfondimento. Al termine della tappa di selezione, l’osservatorio critico sceglierà i progetti destinati alla finale, programmata nell’ambito di Scenario Festival per luglio 2020. Alla finale, dove opererà una giuria diversa dalle fasi precedenti, parteciperanno organizzatori, critici, direttori di festival anche stranieri per favorire una visibilità a tutti i progetti finalisti, mentre il progetto vincitore, a cui sarà attribuito un premio di 8000 euro, sarà accompagnato fino alla realizzazione dello spettacolo compiuto con un lavoro di tutoraggio, anche attraverso l’organizzazione di residenze creative, e con un supporto formativo sul piano organizzativo e gestionale. Il debutto è previsto fra novembre e dicembre 2020, in un evento organizzato appositamente dall’Associazione Scenario.