A scuola di ‘ritmo drammatico’ con la Societas

07 novembre 2018

Quattordici settimane consecutive di studio intenso con Chiara Guidi, Claudia Castellucci, e altri docenti di primo piano come Romeo Castellucci, dedicate ad artisti, registi, attori, danzatori e performer che vogliano formarsi alla coscienza ritmica della danza e della recitazione incrementando conoscenze di movimento ritmico e di composizione dinamica vocale. È il Corso di alta formazione Il ritmo drammatico. Teoria e pratica della dinamica temporale, un percorso di 630 ore, riservato a un massimo di venti artisti, cofinanziato con risorse del Fondo sociale europeo e della Regione Emilia-Romagna che si svolgerà dal 7 al 19 aprile 2019 al Teatro Comandini di Cesena.

Resistenza fisica, spiccato senso del ritmo e dell’equilibrio, e disponibilità a un impegno particolarmente lungo e impegnativo, sono i requisiti di accesso a un percorso che non ha uguali in Italia, concepito nel laboratorio di sperimentazione cesenate che ha fatto la storia dell’avanguardia teatrale italiana, con un lungo lavoro di scavo sul linguaggio della scena declinato in molteplici direzioni, dall’uso della voce, al corpo, al testo, alla regia. Il corso inaugura infatti l’Istituto di Ricerca di Arte Applicata Societas, che comprende tutte le attività teoriche e sperimentali che hanno luogo al Teatro Comandini.

 La didattica è per Societas una conseguenza dell’estetica, ed è espressione della volontà di agire in rapporto alla società” spiegano le due artiste che condurranno gli indirizzi portanti. Gli insegnamenti saranno quindi strettamente connessi a una pratica di ricerca attiva, di sperimentazione effettiva di movimento e vocalità, oltre che di una costante analisi condivisa del lavoro messo in campo. Nello specifico, con Chiara Guidi, che da decenni conduce ricerche sull’uso della voce, gli allievi lavoreranno sulla Dinamica compositiva della recitazione, attraverso la Tecnica molecolare, ovvero lo studio di come la voce entri nelle varie parti della parola scritta per sollevare immagini che vadano oltre il significato del testo, questione a cui l’attrice e regista ha di recente dedicato un libro per Nottetempo intitolato ‘La voce in una foresta di immagini invisibili’. L’altro fronte su cui si concentrerà Guidi, proponendo agli allievi un lavoro sulle fiabe di Fedro, è invece il suo Metodo errante, una forma di recitazione per il Teatro infantile, che pone l’attore di fronte allo sguardo dei bambini, allenandolo a procedere per intuizioni e scarti provocati dal loro vivo comportamento.

Con la guida di Claudia Castellucci, che da poco ha pubblicato per Quodlibet Setta. Scuola di tecnica drammatica, proprio sulla questione della scuola e della trasmissione della conoscenza, gli allievi studieranno soprattutto Movimento ritmico, con esercizi di ricognizione del proprio posto rispetto a uno spazio, di psicologia della durata per riflettere sull’efficacia drammatica di un’azione, e con una parte teorica basata sul concetto di tempo, esemplificata da opere di storia dell’arte contemporanea e della performance. Nell’ambito di entrambi gli insegnamenti le due docenti svilupperanno distinte azioni sceniche, con pubbliche rappresentazioni in alcune città della Regione in collaborazione con Accademia Perduta, Ravenna Teatro, Solares delle arti.

Tra gli insegnamenti complementari spicca quello di Romeo Castellucci, regista e drammaturgo di fama internazionale, che terrà invece un seminario sulla Struttura dinamica della regia, ovvero sul tragitto che le immagini più segrete e incomunicabili, compiono dalla mente dell’artista a quella dello spettatore, a sua volta produttore di quelle stesse immagini. Gli altri docenti che proporranno invece singole lezioni monografiche sono Stefano Bartolini, Alessandra Battaglia, Alessandro Bedosti, Teodora Castellucci, Scott Gibbons, Roberta Ioli, Vito Matera, Simone Menegoi, Silvia Rampelli, Nicholas Ridout, Caterina Satta e Andrea Scardovi.

Le selezioni al bando sono già aperte e si può presentare domanda di ammissione entro il 10 dicembre 2018 tramite il bando scaricabile dal sito societas.es. La selezione dei partecipanti verrà effettuata in due fasi. La prima è basata sull’invio, entro il 10 dicembre appunto, del CV e di una registrazione video basata sulla lettura di un breve testo a scelta del candidato, all’indirizzo e-mail istituto@societas.es. La seconda fase, che si svolgerà il 18 (e se necessario) il 19 dicembre 2018, con coloro che sono stati selezionati nella prima, consiste in un test di idoneità composto da due prove che si svolgeranno presso il Teatro Comandini di Cesena: l’esecuzione di una breve sequenza ritmica su base musicale e la lettura di un breve testo drammatico, oltre a un colloquio individuale.