Varignana Music Festival

28 maggio 2018

Quinta edizione per il Varignana Music Festival, la prima rassegna estiva di musica classica del territorio bolognese, organizzata dalla Fondazione Musica Insieme, ed inserita in Bologna Estate 2018 (cartellone promosso dal Comune di Bologna). Dal 6 al 15 luglio, con la direzione artistica di Bruno Borsari, sulle colline bolognesi nell’antico Palazzo di Varignana  trasformato in resort, si svolgeranno 10 concerti, in un programma raffinato per esperti e appassionati.

Ospiti della rassegna sono infatti interpreti di livello internazionale a partire da Mario Brunello, il più celebre violoncellista italiano, che torna al festival nella matinée del 15 luglio, con un originale progetto dedicato ad archi e percussioni, accompagnato dai Solisti della Kremerata Baltica,  una compagine fondata dal grande violinista Gidon Kremer nel 1997,  protagonista dei palcoscenici di tutto il mondo. Si esibiranno anche il violinista Michael Barenboim, straordinario ‘figlio d’arte’ e ospite di sale come la Carnegie Hall di New York, qui in duo con il Premio “Reine Elisabeth” Denis Kozhukhin (l’8 luglio) con i capolavori del sonatismo. Fra i pianisti, si potranno ascoltare due grandi interpreti come Alexander Romanovsky, presente al festival fin dall’esordio e considerato artista residente, già Premio “Busoni” e oggi ospite delle principali orchestre internazionali, e Antonii Baryshevskyi, vincitore del Concorso “Arthur Rubinstein”.  I loro recital sono dedicati dedicati in particolare ai grandi maestri del pianoforte, da Chopin a Liszt, a Schubert e Skrjabin. Fra gli italiani, troviamo il Quartetto Prometeo, una delle importanti compagini cameristiche più importanti a livello nazionale, che si esibirà sia con Baryshevskyi che con il violoncello virtuoso di Enrico Bronzi per un capolavoro come il Quintetto di Schubert.

Fin dall’inaugurazione la kermesse, che ha ospitato artisti e intellettuali come Mischa Maisky, Natalia Gutman, Alexei Volodin, il Quartetto di Cremona, Gustavo Zagrebelsky, Philippe Daverio ed Ezio Bosso, si è imposta come una novità assoluta, la cui cifra distintiva è proprio l’arte dell’incontro fra la proposta culturale d’eccezione del festival e la straordinaria accoglienza del resort.

“Un format – ha sottolineato Bruno Borsari– che puo’ far conoscere attraverso la musica il territorio e la realtà di Bologna, richiamando turisti ma anche artisti internazionali che qui si incontrano, danno vita a progetti inediti e nuove sinergie creative e insieme condividono con il pubblico esperienze ed emozioni, anche al di là del concerto stesso”.

Al termine di ogni esibizione, infatti, ospiti e performer sono invitati a una cena gourmet sotto le stelle in cui gli chef del Palazzo accompagnano alla scoperta dei sapori a chilometro zero prodotti nell’azienda agricola del resort.

Il Grand Opening del festival, venerdì 6 luglio, è affidato a Coro e Orchestra del Varignana Music Festival, compagine ufficiale della kermesse, ospite di sedi che vanno dal Gewandhaus di Lipsia al Vaticano. Il programma si incentra sul belcanto italiano e i suoi capolavori, da Verdi a Puccini,  dove non poteva mancare anche uno speciale omaggio  a Gioacchino Rossini nel 150° anniversario della morte. In programma nella serata anche due evergreen della classica di tutti i tempi: “Inno alla gioia” dalla Nona Sinfonia di Beethoven e “Va, pensiero, sull’ali dorate”, a ricordare l’eredità verdiana che il nostro Paese ha consegnato alla storia della musica e della cultura.

Tutte le informazioni sul programma del Varignana Festivale in generale sulla programmazione di Musica Insieme  ora si possono  trovare anche nella nuova app : https://www.musicainsieme.eu/download.