BOLOGNA FESTIVAL - IL NUOVO L'ANTICO 2018

Dopo il ritratto di Stockhausen Bologna Festival rivolge l’attenzione a Luciano Berio. Vi figurano alcuni lavori strumentali: le Sequenze solistiche per flauto e per oboe di arduo virtuosismo, lo Chemins IV che rielabora per complesso la Sequenza per clarinetto, pagine per quartetto d’archi, dalle giovanili ardite Sincronie al Notturno, una delle opere più elaborate del tardo Berio, oltre a comprendere gli autori, come Debussy o Stravinskij cui Berio si ispirava. Nel complesso si ha modo di cogliere la varietà e la tensione intellettuale della ricerca compositiva dell’autore in un programma certamente “difficile” ma stimolante e di grande interesse.

musiche di Igor Stravinskij, Luciano Bertio, Alban Berg
proiezione di estratti dalle trasmissioni RAI, commentati da Enzo Restagno
il complesso, esperto nella cultura medievale, esegue musiche di Paolino d’Aquileia, Jacopo da Bologna, Francesco Landini, Hildegard von Bingen, Wipo di Burgundia e compositori anonimi italiani, francesi e inglesi dei secoli XIII, XIV e XV
Alberto Miodini, pianoforte - Pierpaolo Maurizzi, pianoforte - Danilo Grassi, vibrafono - Paolo Nocentini, marimba - musiche di Claude Debussy, Luciano Berio, Franz Schubert, Igor Stravinskij
Monica Piccinini, soprano - Simone Vallerotonda, tiorba, chitarra barocca - musiche vocali e strumentali di Claudio Monteverdi, Hieronimus Kapsberger, Bellerofonte Castaldi, Alessandro Grandi, Barbara Strozzi, Maurizio Cazzati, Ferdinando Valdambrini romano, Tarquinio Merula
Sergio Balestracci, direttore - musiche di Johann Sebastian Bach
Coro del Teatro Comunale di Bologna - Andrea Faidutti, direttore - Stefano Malferrari, pianoforte, organo - musiche di Franz Liszt
Hans-Christian Euler, direttore - Juri Schmahl, oboe - musiche di Luciano Berio, Johann Sebastian Bach

Contatti

Telefono
051 6493397 - 6493245
Email
info@bolognafestival.it
Sito web
Web

Ricerca

Cosa
Quando