Ravenna Festival 2020. XXXI edizione

L’Italia della musica non si arrende al Coronavirus: Ravenna Festival c’è, nel rispetto delle norme per la sicurezza di artisti, personale e spettatori si trasforma e propone spettacoli dal vivo con un nuovo calendario che accanto ai concerti include appuntamenti con il teatro e la danza, in tutto 48 eventi in programma dal 21 giugno al 30 luglio. Il palcoscenico principale di questa XXXI edizione è l’open air della Rocca Brancaleone, che così dopo trent’anni torna ad essere il cuore del Festival: è qui che fu inaugurata la prima edizione della manifestazione, nel 1990. Ma il Festival include anche i tradizionali appuntamenti in provincia, all’Arena dello Stadio dei Pini di Cervia e nel cortile del Pavaglione di Lugo, e qualche evento organizzato nelle antiche basiliche cittadine.

Organizzato dalla Fondazione Ravenna Manifestazioni con il sostegno di MiBACT, la Regione Emilia-Romagna, il Comune di Ravenna, di Cervia e di Lugo, l’Eni, gli Amici sostenitori, le Fondazioni bancarie e tante imprese sponsor, il Festival sta predisponendo anche una piattaforma digitale dedicata per la trasmissione degli eventi. Tra gli artisti ospiti Riccardo Muti (che dirige la sua Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e il soprano Rosa Feola per il concerto di apertura del 21 giugno, e poi tornerà sul podio per altri due appuntamenti), Accademia Bizantina, Beatrice Rana, Mario Brunello, Valery Gergiev, Iván Fischer, Anna Prohaska, Sergio Castellitto, Isabella Ferrari, Neri Marcorè, Giovanni Sollima, Stefano Bollani, Vinicio Capossela, Brunori Sas.

Le prevendite per tutti gli spettacoli si aprono giovedì 11 giugno alle 10:00 e sarà possibile acquistare i biglietti esclusivamente online sul sito ufficiale (www.ravennafestival.org) o telefonicamente contattando la Biglietteria del Teatro Alighieri (tel. 0544 249244). I posti disponibili per ogni evento sono 300 alla Rocca Brancaleone, 300 a Cervia e 500 a Lugo. Chi ha acquistato biglietti prima della sospensione delle vendite e dell’annuncio del nuovo programma deve rivolgersi alla biglietteria per il rimborso tramite voucher, in ottemperanza al decreto legge del 17 marzo (art. 88).

Riccardo Muti, direttore - Tamás Varga, violoncello - con l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini - musiche di A. Dvořák
di e con Camilla Lopez (voce e percussioni) e Matteo Ramon Arevalos (pianoforte, pianoforte preparato e percussioni)
Daniele Roccato, contrabbasso solista - Francesco Platoni, Giacomo Piermatti, Alessandro Schillaci, Stefano Battaglia, Paolo Di Gironimo, Andrea Passini, Simone Masina e Mauro Tedesco, contrabbassi - musiche di G. Scelsi, D. Roccato, S. Gubaidulina, F. Antonioni e S. Scodanibbio
con l’Orchestra Arcangelo Corelli - Timothy Brock, direttore - musiche originali di Charlie Chaplin e José Padilla ricostruite da Timothy Brock - in collaborazione con la Cineteca di Bologna
Omaggio a Beethoven a 250 anni dalla nascita - Francesco Manara, violino - Cesare Pezzi, pianoforte - musiche di L. van Beethoven
con Massimo Gramellini - e con Virginia Guastella, pianoforte - in collaborazione con Elastica Live & Comunicazione - nell’ambito di Per l’alto sale – Il trebbo in musica
Beatrice Rana e Mario Brunello con le stelle delle danza - a cura di Daniele Cipriani
di e con Vinicio Capossela
con Ernst Reijseger, violoncello e composizioni - Harmen Fraanje, pianoforte - Mola Sylla, voce, xalam e m’bira - Cuncordu e Tenore de Orosei - immagini tratte dai film di Werner Herzog
testo di Gabriele Miracle e Mauro Morini - con Gianluigi Tosto, attore - e con il gruppo musicale La Pifarescha - musiche di M. von Hessen, F. Bendusi, J. Desprez, T. Susato, G. Dufay, J. Handl, A. Valente, P. d’Aquileia e Anonimi del XV e XVI secolo
Giovanni Sollima e Cello Ensemble, violoncelli - con la partecipazione straordinaria di Enrico Melozzi - musiche di Henry Purcell, Padre Komitas, Giovanni Sollima, Domenico Modugno, The Queen, Leonard Cohen, e brani popolari dal mondo
Orchestra Notturna Clandestina diretta da Enrico Melozzi - con la partecipazione straordinaria di Giovanni Sollima - musiche di W.A. Mozart, E. Melozzi, F.J. Haydn e G. Sollima
“Piano Variations on Jesus Christ Superstar”: Stefano Bollani, pianoforte - musiche di Lloyd Webber e Tim Rice
Telmo Pievani, narrazione - i Deproducers, chitarra, basso, tastiere e canto - produzione Fondazione AIRC
con Maria Grazia Cucinotta, voce narrante - Vittorio De Scalzi, canto, flauto e tastiere - colonne sonore di Luis Bacalov, eseguite dal vivo dagli Ànema - regia di Carlos Branca e Rosanna Pavarini - regia video di Andrea Balducci

Contatti

Telefono
0544 249211
Sito web
Web
Cosa
Quando